Automazione e domotica per la casa a basso costo.

Glossario dei termini

Arduino

Arduino è un framework opensource che permette la prototipazione e l’apprendimento dei principi fondamentali dell’elettronica e della programmazione. È composto da una piattaforma hardware per il physical computing sviluppata, e si basa su un circuito stampato che integra un microcontrollore con PIN connessi alle porte I/O, un regolatore di tensione e quando necessario un’interfaccia usb che permette la comunicazione con il computer. A questo hardware viene affiancato un ambiente di sviluppo integrato (IDE) multipiattaforma, che permette di scrivere programmi con un linguaggio derivato da C e C++ chiamato Wiring.

BUS di comunicazione

Nei sistemi elettronici e nei computer in particolare, il bus è un canale che permette a periferiche e componenti del sistema di “dialogare” tra loro. Diversamente dalle connessioni punto-punto un solo bus può collegare tra loro più dispositivi. Le connessioni elettriche del bus possono essere realizzate direttamente su circuito stampato oppure tramite un apposito cavo.

Domotica

La domotica è la scienza interdisciplinare che si occupa dello studio delle tecnologie atte a migliorare la qualità della vita nella casa e più in generale negli ambienti antropizzati. Il termine domotica deriva dal latino domus che significa “casa”. Questa area fortemente interdisciplinare richiede l’apporto di molte tecnologie e professionalità, tra le quali ingegneria edile, automazione, elettrotecnica, elettronica, telecomunicazioni ed informatica.

Modbus

Il Modbus è un protocollo di comunicazione seriale creato da Modicon nel 1979 per mettere in comunicazione i propri controllori logici programmabili (PLC). È diventato uno standard de facto nella comunicazione di tipo industriale, ed è ora il protocollo di connessione più diffuso fra i dispositivi elettronici industriali. Le principali ragioni di un così elevato utilizzo del Modbus rispetto agli altri protocolli di comunicazione sono l’implementazione relativamente semplice, l’assenza di royalty, e la trasmissione di raw bits e words senza molte restrizioni ai produttori.

RS-485

EIA RS-485 è una specifica Modello OSI a livello fisico di una connessione seriale a due fili, half-duplex e multipoint. Lo standard specifica un sistema di gestione del segnale in forma differenziale: la differenza tra la tensione presente sui due fili costituisce il dato in transito. Una polarità indica un livello logico 1, quella inversa indica il livello logico 0. La differenza di potenziale deve essere di almeno 0,2 V per un’operazione valida, ma qualsiasi tensione compresa tra +12 V e −7 V permette il corretto funzionamento del ricevitore.

RS-422

Si tratta di un protocollo per la comunicazione dati seriale che prevede l’impiego di due fili con linea differenziale e multipunto (differenziale bilanciata). Prevede, per ogni coppia di fili, la trasmissione di dati unidirezionale e non reversibile, su linee di trasmissione dati terminate o non terminate. Nel caso di due coppie di fili e, ovviamente con due circuiti simili, si ottiene la connessione full duplex. A differenza dell’EIA RS-485, a cui differisce per la sola capacità di porsi sulla linea in alta impedenza se non selezionato, l’EIA-422 non permette trasmettitori multipli ma solo ricevitori multipli.